Associazione Sportiva Dilettantistica

FEDERAZIONE ITALIANA TAEKWON-DO TRADIZIONALE

Via Ettore Fieramosca, 20 - 00012 Guidonia (RM)

Federazione Italiana Taekwon-Do Tradizionale - Official Web Site

 

LA FILOSOFIA DEL TAEKWON-DO (Taekwon-Do Chul Hak)

La filosofia del Taekwon-Do ha come fondamento l'etica, la morale, le norme spirituali attraverso le quali gli uomini possano convivere armoniosamente insieme.

Le parole stesse del generale Choi, uno dei più importanti Maestri e divulgatori del Taekwon-Do, ci aiutano a capire meglio: «spero sinceramente che attraverso il Taekwon-Do ogni uomo possa acquistare la forza sufficiente per arrivare ad essere il guardiano della giustizia, opponendosi ai conflitti sociali e coltivando lo spirito umano al livello più alto possibile. È con questo spirito che mi sono dedicato all'arte del Taekwon-Do per tutti i popoli del mondo»

Il generale Choi stabilì la filosofia e i seguenti principi come le basi del Taekwon-Do  e tutti gli studenti seri di quest'arte li dovrebbero osservare e rispettare attraverso il loro cammino sia nell'arte che nella vita.

1. essere disposti ad andare avanti quando il gioco si fa duro e fare le cose che vale la pena fare anche se sono difficili;

2. essere gentile con i deboli e duro con i forti;

3. accontentarsi di ciò che avete in denaro e posizione, ma mai in termini di conoscenza;

4. sempre finire quello che si è iniziato;

5. essere un insegnante disposto a chiunque, indipendentemente dalla religione, razza o ideologia;

6. non cedere mai alla repressione o minaccia nel perseguimento di una nobile causa;

7. insegnare con l'azione piuttosto che con le parole;

8. essere sempre te stesso, anche se le circostanze possono cambiare;

9. essere l'insegnante eterno che insegna con il corpo quando è giovane, con le parole quando è vecchio, e col precetto morale anche dopo la morte.

Di seguito si riportano i DOGMI del TAEKWON-DO.

I DOGMI DEL TAEKWON-DO (Taekwon-Do Jungshin)

 CORTESIA (Ye Ui) 예의 :  Gli studenti del tkd devono cercare di eseguire i seguenti elementi di cortesia per costruire un nobile carattere e per condurre  un allenamento bene.

1)       Promuovere lo spirito dei vantaggi reciproci

2)       Essere confuso da un difetto, disprezzando quelli di altri

3)       Essere cortese con gli altri

4)       Incoraggiare il sentimento di giustizia e umanità

5)       Distinguere l’istruttore dallo studente, il senior dal junior, il vecchio dal giovane

6)       Rispettare le etichette

7)       Rispettare le cose altrui

8)       Essere sinceri

9)       Non accettare o dare doni quando si è in dubbio 

INTEGRITA’(Yom Chi) 염지 / 정직 :  Esempi di come essa non viene rispettata :

1)       L’istruttore che mal rappresenta se stesso e l’arte insegnando tecniche sbagliate per mancanza di conoscenza o per apatia

2)       Lo studente che mal rappresenta se stesso portando tavolette rotte agli esami

3)       L’istruttore che camuffa tecniche sbagliate con palestre di lusso e con false adulazioni agli studenti.

4)       Lo studente che chiede passaggi di grado all’istruttore

5)       Lo studente che prende gradi per la sete di potere

6)       L’istruttore che insegna per avere in cambio vantaggi economici

7)       Lo studente che dice cose e poi agisce diversamente

8)       Lo studente che si vergogna di ascoltare i propri inferiori

 PERSEVERANZA(In Nae) 인내 :  Uno dei più importanti segreti per diventare un leader del tkd è superare ogni ostacolo con la perseveranza

SELF-CONTROL (Guk Gi) 극기: Autocontrollo: E’ molto importante sia dentro che fuori dalla palestra.

SPIRITO INDOMABILE(Baekjul Boolgool) 백절불굴:  Uno studente del tkd deve essere modesto ed onesto, ma deve opporsi all’ingiustizia combattendola mediante lo spirito indomabile. Confucio disse:”E’ un atto di codardia non parlare contro l’ingiustizia”.La storia ha provato che chi ha lottato con spirito indomito ha sempre vinto le sue battaglie.

Gli Hwarang rispettavano cinque regole fondamentali stabilite dal famoso monaco buddista Won-Gwang:

1) esseri fedeli al re;

2) obbedire ai propri genitori;

3) non tradire i propri amici;

4) mai ritirarsi in battaglia;

5) mai uccidere senza una ragione.